Fibre ottiche, Next Generation Networks

Broadband deployment in Europe: better than expected

Posted on Updated on

Immagine

Many have worried that the European Union is falling catastrophically behind a number of competitors (including Japan, South Korea, and the United States) in terms of deployment and adoption of broadband and high-speed access infrastructures. In July 2012 this assumption has lead in the European Commission, deeply lobbied by ETNO (the trade-association representing the incumbents such as Deutsche Telekom, Orange, Telefonica ecc.) to deregulate the Regulatory Framework of 2009 . At the end, after overwhelming critics by governments, national regulators and stakeholders as well as lots of internal controversies, a simple recommendation was adopted in September 2013.

The same presumption that Europe may fall behind the rest of the world urged Commissioner Kroes to launch the so-called Single Market Regulation, de facto another implicit review of the 2009 Regulatory Framework. Also this initiative is encountering oppositions and reservations at various levels (governments, regulators and stakeholders) which will likely extend the time of discussion and approval (if any).

This catastrophic view derives also from the presumption that the targets of the European Digital Agenda (universal coverage of basic broadband by 2013, and universal coverage of 30 Mbps and 50% take-up of 100 Mbps broadband by 2020) could not be achieved.

Now: a study commissioned by the European Parliament (on the initiative of the dynamic policy advisory team lead by Fabrizio Porrino and Mariusz Maciejewski) suggests that the above concerns were somewhat over-blown and that the picture is not as dark as Commissioner Kroes fears. Since the European Parliament will have to intervene on the Single Market Regulation proposal, no doubt that this study and the data herein reported will shake a debate.

With regard to basic fixed broadband, European deployment is close to universal (with however some gaps in newer Member States in the east). According to the most recent data (ITU), the top-ten countries are all located in Europe (except South Korea). The only non-European entrants into the top twenty rankings are Canada (12°), Hong Kong (China) (16°) and the US (20°). In terms of access speeds European citizens enjoy better performances than their US counterparts with both xDSL Internet (36% faster than in the US) and other technologies (such as cable and FTTx). In terms of prices, according to OECD, fixed broadband tariff ranges in the three largest European markets (Germany, France and UK) are lower than in the US.

In other words, Europe is doing quite well regarding basic broadband, although discrepancies between Members States are not negligeable.

Also in the mobile broadband the situation is not so dark, since the increase rate of the European market is spectacular. However, actual deployment and take-up of fast 4G mobile data services in Europe is still behind those in Japan, South Korea, and the US. Remarkably, the European Digital Agenda does not specifically address mobile broadband in terms of objectives and targets to be achieved.

The situation is more intrigued for fibre-based ultra-fast broadband and LTE, where a deficit effectively occurs. However, according to the study this deficit must be seen in a context: “Bandwidth is not just a question of the nominal speed of the link. Actual bandwidth available to customers in Japan and South Korea is far less than the speed of the access link. Available bandwidth is actually lower in the US than in many EU Member States”. Fact is, the data reported in the study show that the correspondence between broadband access speeds, actual speed delivered, and data usage reflects a complex scenario. For instance, data usage in Japan is actually less than that in the UK, while data usage in the US is very high (largely due to video), even though delivered bandwidth is actually lower than in a number of European countries.

The study explores in depth numerous theories put forward by commercial parties and experts in support of one or another policy measures in the matter of broadband deployment and make some final recommendations:

a) there is scope for cautious optimism on Europe’s progress on broadband against other countries. Evolutionary rather than revolutionary approaches should suffice in maintaining Europe’s competitiveness. There is no need for a radical overhaul of European policy.

b) The existing European targets for universal coverage are appropriate, but would benefit from further clarification and refinement. Upload speeds, the ability to use real-time applications, and the ability to access applications of the user’s choice deserve attention.

c) Policymakers should also consider setting specific targets in relation specifically to mobile broadband in order to foster the availability of services at any time and from anywhere.

d) A policy framework that is technologically neutral to the maximum feasible degree should continue to be preferred.

The ups and down of European telecom regulation

Posted on Updated on

Immagine

Today Commissioner Kroes announced, via and ad-hoc press conference, the adoption of a well-expected proposal of regulation for the reduction of costs of rollout of broadband high-speed networks. On the same day,  Berec, the agency of European telecom regulators, adopted quite a negative opinion on Kroes’ proposed reform of access regulation (a rejection which had been already anticipated, although in diplomatic manners, 2 weeks ago).

The emphasis dedicated by Commissioner Kroes to the adoption of the draft regulation (the good news) reflects also the intent to minimize the media impact of the Berec’s opinion (the bad news). With regard to the latter, Berec is rejecting the substance of the Commission’s proposal, while sharing in a diplomatic ways the objectives of the Kroes’ reform. The national regulators refuse to follow the Commission’s diktat as how to regulate telecom networks (with regard to pricing and non-discrimination) and invoke their autonomy in deciding how to address specific national cases (while the Kroes’ proposal was quite prescriptive and rigide as to which remedy to apply).

Now, it is interesting to see what will happen next: it is difficult to believe that the Commission will completely disregard the Berec’s (non-binding) opinion, since a fair cooperation between the 2 bodies is necessary to guarantee the good functioning of the framework. Commissioner Kroes has now to return to her people and verify whether there is the possibility to adapt the current draft of the recommendation to the Berec’s wishes. Not an easy job, however, because Berec’s requests substantially water down the entire Kroes’ reform, therefore margins of manouver are limited.

The bitterness of the Berec’s move is somehow compensated by the success represented by the other event of the day, i.e. the proposed regulation on reduction of installation costs of high-speed networks. This is quite an important  step for the development of fibers networks in Europe, because it introduces some important innovations that, depending on the country affected, may change dramatically the way to lay down new infrastructures: public utilities such as energy, gas, water, airports, harbours, waste recycling, public lighting ecc, will be obliged to give access to their infrastructures (cabinets, ducts, towers) no operators intending to use them to deploy fibres networks. To time, this was possible only on commercial basis (and in fact in some countries such option never worked effectively), in the future will be obligatory and, in case of unjustified refusal, the national regulator will be entitled to intervene and fix modalities and price of access.

In addition, the proposed regulation aims at simplifiyng the administrative processes by introducing unified point of contacts and, in particular, by setting the maximum term of 6 months for granting or refusing authorizations or permits.

The controversial European reform of network regulation

Posted on Updated on

vsh0285l

In July 2012 Mrs. Kroes announced a fundamental reform of the Commission’s policy in the matter of broadband and high-speed networks (NGA: next generation access). The Dutch commissioner is convinced that this attempt will encourage more investments in the sector and enhance competition.

Despite Kroes’s belief, the proposal appears controversial and many stakeholders fear that the new regime  will dramatically harm consumers’ interests and competition in Europe, bringing back the telecoms’ clock to the ‘80s. The arguments of Kroes’ opponents (mainly alternative operators and consumers associations) are the following.

Broadband prices will increase in general throughout Europe. Kroes is proposing to fix the access price of traditional copper networks (i.e the infrastructures build 50 years ago thanks to the money of taxpayers, and currently owned by privatised telecom incumbents) for a long period, at least 8 years. The draft proposal indicates a price of 8/10 Euro month, to be subject to inflation adjustment (up and upper!). This will result in an increase of retail BB prices in many European countries, while in others the decrease of retail prices, even if possible because the copper networks are old and depreciated, will be prevented. Thus, consumers will pay the same amount, or even more, for a very long period (8 years in the telecom sectors corresponds to a geological era), irrespective of network depreciations, market developments, new technologies. The European Union has never experienced such kind of intrusive economic dirigism. It is not a coincidence that even in Belgium, a country where BB prices are amongst the highest in Europe, Belgacom has just announced an increase of broadband prices as from February 2013, and for the same BB services.

Competition (and innovation) will be reduced: Kroes intends to reduce the number of operators in Europe, and as a result consumers will experience less choice and innovation. The idea of solving Europe’s investments failures by reducing the number of operators is simply naïf: the number of European operators is a consequence of the fragmentation of the European market (27 national markets, a problem that the Commission is unable to address), therefore such kind of comparison is a non-sense. In any case, if you compare fixed network operators of a single European country with respect to US, Brazil, China and Japan, you will find out that in Europe we have fewer fixed network operators per country (1 or 2 against 3 or 4 on average). In any case, what matters is competition, not the number of operators. In US AT&T and Verizon invested because of the competing cable Internet offers. Without such competition, they would have not.

Fibers investments will be even more uncertain and scarce: apart from copper-based VDSL upgrades (which are already happening and are natural for networks operators), it is still unclear why incumbents should invest the huge and stable profits of the copper networks into NGA networks. Kroes believes that “stability” will encourage investments, however she mixes price and legal stability. Price stability does not produce network investments in the absence of competition, it rather produces “financial investments” in shares and dividends instruments issued by the “winners” (old legacy incumbents). On the contrary, the draft proposal will inflate legal uncertainty into the entire European regulatory framework, because it multiplies different variations and conditions for non-discrimination remedies as well as for relaxation of cost orientation obligations. A real roulette for the national regulators.

To sum up: there are convincing evidences that Kroes’ reform will bring the telecom sector back to re-monopolisation: the dilemma “build or buy” for alternative operators may result in the majority of operators leaving the market (the operators which invented BB, ADSL and many Internet stuff, by the way). The decrease of competitors (and competition) will make even less attractive and reasonable the business case for fibres investors. 15 years of telecom liberalization will be lost.

Kroes: l’ho fatto perchè me lo hanno chiesto gli investitori

Posted on Updated on

Il commissario di DG Connect alla conferenza ECTA spiega la sua ricetta per le fibre (intanto Telecom Italia pensa di spendere fino a 7 miliardi in rete fissa, però in Brasile).

L’intervento di oggi di Neelie Kroes, il commissario europeo per la Digital Agenda, è stato polarizzato dalle ragioni che l’hanno spinta, lo scorso 12 luglio, a dare un’inversione copernicana alla politica regolamentare della Commissione Europea in tema di accesso alle reti ed fibre ottiche, che ora consisterà in: “stabilizzazione” del prezzo del rame per un periodo di 8 anni; “rafforzamento” delle norme in tema di non discriminazione; “flessibilità” delle regole di accesso alle reti in fibra ottica. Le virgolette sono obbligate perchè tra poche settimane, o giorni, la direzione DGConnect pubblicherà un draft di proposta.

Secondo le parole del commissario Kroes, la nuova posizione è dovuta alle richieste degli investitori, che chiedevano “stability, reliability, certainty, predictability”. Si tratta di un annuncio che non sorprende, a meno che qualcuno abbia mai conosciuto investitori che predilogono incertezza, inaffidabilità, instabilità e caos totale. In altre parole, la spiegazione del commissario Kroes è di buon senso, però non aggiunge molto rispetto a ciò che già si sapeva fin dalla bolla dei tulipani del XVII° secolo.

Kroes purtroppo non è stata più precisa circa le motivazioni della comunità finanziaria. Infatti, gli investitori sono normalmente parte di grandi gruppi bancari e finanziari che hanno importanti cointeressenze con gli incumbents proprietari delle reti in rame, perchè da questi ultimi ricevono dividendi azionari nonchè rimborsi/dividendi da obbligazioni. In altre parole, qualsiasi statement di un grande investitore è potenzialmente pregiudicato da un conflitto d’interesse con l’entità finanziaria di appartenenza, che non vuole solo investire ma anche mantenere il cash flow attuale (dividendi e cedole di ogni tipo) nonchè avere il rimborso dei debiti. La Kroes non è una sprovveduta e quindi avrà fatto le sue attente valutazioni, tuttavia la storia degli ultimi 4/5 anni di crisi finanziaria è caratterizzata da enormi conflitti di interessi da parte degli operatori finanziari, che prediligono investimenti in carta (cartolarizzazioni di qualsiasi cosa) piuttosto che in prodotti/servizi. Quindi il dubbio rimane.

Trovandosi nella tana del lupo (i membri di ECTA sono ormai molto freddi con la Kroes), il commissario ha invitato i presenti a giudicare sulla base dei fatti, non delle emozioni. Giustissimo, però se lei stessa avesse portato delle chiarificazioni sarebbe stata molto apprezzata. Ad esempio, Neelie avrebbe potuto spiegare come la stabilizzazione e garanzia del prezzo del rame indurrebbe i beneficiari, cioè gli incumbents, a spegnere tali reti e a riconvertirle in fibra; ed avrebbe potuto portare dati più precisi circa i paesi dove questo meccanismo virtuoso, cioè il reinvestimento dei profitti del rame nella fibra, funziona veramente. Ma purtroppo non lo ha fatto. Nello statement del 12 luglio la Kroes si era limitata a direi che non era convinta che un abbassamento del prezzo del rame potesse incentivare gli investimenti in fibra, ma in molti avevano obiettato che i paesi indicati come esempi, Austria e Norvegia, non erano appropriati; e la cosa era morta lì.

Il Commissario Kroes ha ricordato i dati della crescita della fibra in Cina, 36 milioni di abitazioni, però senza spiegare come funzioni la ricetta cinese e se sia applicabile in Europa. Probabilmente, se andassimo a vedere il modello cinese da vicino scopriremmo cose che non ci piacciono così tanto. Meglio il Giappone, allora, dove però la regolamentazione esiste. Poi Neelie ha riferito di un colloquio con il presidente della BEI, che avrebbe detto che da giugno 2012 (quindi da un momento precedente allo speech di luglio) vi sarebbe stato un aumento di investimenti, pari al 25%, nel settore delle telecomunicazioni. Mi sembra una buona notizia, benchè non ufficiale, quindi aspettiamo la conferma. Quando verrà, sarebbe interessante capire se i maggiori investimenti siano semplicemente annunciati o veramente fatti, se si tratti di fibra o di mobile/LTE., ecc. Purtroppo, la storia della fibra è costellata di FTTP (Fiber-to-the-Papers), quindi sarebbe meglio evitare di farsi abbindolare dagli annunci, per non ricadere nel trappolone spagnolo del 2009, quando Telefonica, non appena aver ottenuto una parziale deregolamentazione della fibra ottica, annunciò che purtroppo doveva sospendere gli investimenti programmati prima della decisione del regolatore spagnolo. Amen.

In fin dei conti, la Kroes ci ha levato qualche dubbio: facendo riferimento agli investitori, e non ai players di mercato, ha indirettamente ammesso che la sua ricetta non è capace di far investire le telecoms a investire, bensì, ma staremo a vedere, gli investitori istituzionali. Non è una precisazione da poco. Ed infatti, è di questi giorni la notizia che Telecom Italia intende investire fino a 7 miliardi di Euro in Brasile per comprare colà un operatore fisso. Ahimè, questa non era certo la destinazione prevista per i proventi del rete telefonica italiana…….

PS: la mia critica al discorso della Kroes non toglie il fatto che il commissario olandese abbia toccato anche altri temi di rilevanza che meritano attenzione, come le preoccupazioni circa il presente  (disoccupazione e crescita) nonchè le sfide per il futuro (e-ealth, cloud, digitalizzazione in genere). Quindi consiglio di leggerlo tutto prima di condividere le mie conclusioni giacobine. Per un altro  punto di vista critico consiglio di leggere Pierani di Altroconsumo.

La Kroes in Finlandia: prove tecniche di deregulation

Posted on Updated on

Immagine

Il Commissario Kroes mette le mani avanti e cerca di anticipare la sua riforma testandola sulla piccola Finlandia

La Commissione Europea ha adottato una decisione (tecnicamente, una raccomandazione ex articolo 7(4) della direttiva 2002/21/EC) con cui ingiunge al regolatore finlandese Ficora di ritirare o modificare sostanzialmente la sua proposta di regolamentare in modo soft il mercato della banda larga, fibra ottica compresa.

La decisione della Commissione è rilevante perchè contiene una serie di ragionamenti e principi che erano già stati enunciati  nel famoso discordo della Kroes del 12 luglio, quello in cui il commissario olandese di DG Connect ha annunciato una parziale deregolamentazione  delle telecomunicazioni europee nonchè una stabilizzazione del prezzo d’accesso alle reti telefoniche in rame. In buona sostanza, ancor prima di formalizzare questo nuovo corso con le annunciate raccomandazioni su Cost Accounting e Non Discrimination, Kroes si porta avanti ed anticipa le nuove regole in un caso concreto.

Va premesso che la Finlandia è un caso un po’ particolare, perchè il mercato finnico è contraddistinto da 19 incumbent di rete fissa divisi per aree geografiche (caso unico in Europa), con concorrenza degli alternativi molto debole. Però, vi è una tradizionale presenza di offerte mobili che tende a creare un po’ di concorrenza da quel lato. Il regolatore finlandese avrebbe voluto proporre una regolamentazione molto blanda, contando proprio sulla concorrenza dei mobili e delle offerte LTE. La Commissione Europea non ha condiviso questo ragionamento, ricordando la necessità di imporre un prezzo regolamentato alle reti fisse sulla base del principio della cost orientation, attraverso una metodologia che Ficora dovrà sviluppare in seguito.

La parte più rilevante della decisione europea è quella dove viene declinato l’obbligo di non discriminazione per il mercato delle reti in fibra ottica. Secondo Kroes, un meccanismo efficiente di non discriminazione, funzionante secondo il principio dell’Equivalence of Inputs (“EoI”) potrebbe giustificare (assieme ad alcune altre condizioni) il ritiro dell’obbligo di prezzo regolamentato (il prezzo che gli operatori alternativi pagano per accedere alla rete dell’incumbent). Questo significherebbe una vera e propria vacanza regolatoria, perchè se l’incumbent proprietario della rete può applicare la tariffa d’accesso liberamente, allora – per esperienza – lo farà al livello più alto ed anticompetitivo, in modo da ammazzare la concorrenza. Ripeto per chi non avesse capito: no prezzo regolamentato al costo = no concorrenza.

Ebbene, come funzionarà questo EoI? Qui arriviamo all’aspetto inquietante della vicenda, perchè secondo la Kroes: “As equivalence of input can only be fully implemented over a longer time period, this requirement could consist in immediate terms in a firm obligation on and commitment by the SMP operators to undertake certain key initiatives over a set time period”. In altre parole, nell’attesa di verificare che le cose funzionino veramente , basterà la solenne promessa – giurìn giuretta – dell’incumbent. Si salvi chi può.

Si mette il carro davanti ai buoi: la Kroes ha fretta (il mandato scade nel 2014), non c’è tempo di aspettare e verificare che il sistema di non discriminazione funzioni veramente, e allora bastano allora “obbligo ed impegno forti” da parte dell’incumbent. Dejà vu: nessun incumbent si è mai sottratto ad impegni ed obblighi forti, quando si sa che tali obblighi possono essere sabotati in fase di implementazione. Se le cose stanno così, il commissario Kroes rischia perchè è convinta che gli incumbents investiranno di sicuro, ma da dove derivi tanta certezza noi non lo sappiamo. Storicamente, le promesse degli incumbents del tipo “meno regolamentazione in cambio di più investimenti” sono sempre stati dei bluff (il caso spagnolo del 2009 fa sempre scuola).

In sostanza, la Kroes non sta modificando il quadro regolatorio esistente, sta solo formalizzando la parziale deregolamentazione operata da vari regolatori nazionali in maniera anarchica e disordinata, aggiungendo solo un po’ più di uniformità. La medicina della Kroes consiste sostanzialmente in: 1. un po’ di regolamentazione delle reti tradizionali in rame; 2. il rimedio della non discrimination sulle reti in fibra. Orbene, si tratta dello status quo esistente dal 2001 (quando la fibra già esisteva come tecnologia) ai nostri giorni e, guarda caso, nessun incumbent ha investito in fibra spontaneamente, salvo farlo solo nelle zone dove c’è concorrenza da parte di operatori cavo ed alternativi. Siccome questo ambiente regolatorio non ha dato luogo ad investimenti apprezzabili da parte degli incumbents, è difficile credere che la promessa della Kroes di lasciare tutto così com’è per i prossimi 8 anni possa sortire effetti diversi. Tutt’al più, gli incumbents investiranno qualcosina in VDSL e FTTC, tecnologie che consentono di investire meno in fibra, continuare a guadagnare bene dalla rete telefonica in rame, tenersi il monopolio sulla rete fissa. Lo avevo già pronosticato il 12 luglio, in contemporanea al discorso della Kroes.

Per completezza di esposizione, la deregolamentazione auspicata da Kroes opererebbe non solo con questa sorta di EoI, ma sarebbero necessarie anche le seguenti condizioni: obbligo di trasparenza, price test (replicabilità) e accounting separation.

***

Direi di dimenticarci il dolore con un intermezzo musicale.

Neelie e le Idi di luglio

Posted on Updated on

La Commissione Europea teme per gli investimenti pubblici nel settore broadband, ma neanche quelli privati se la passano tanto bene.

Ieri sera presso la European Internet Foundation, al Parlamento Europeo, si è parlato del CEF, acronimo che sta per Connecting European Facility, cioè il piano di finanziamenti della Commissione Europea nei settori dei trasporti, energia e banda larga pari a complessivamente a 50 miliardi di Euro. L’oggetto della questione è quanto di questo soldi andranno al settore della banda larga visto che gli Stati membri, che devono autorizzare il piano, sembrano intenzionati a ridurre la quota disponibile. Tale proposito ha scatenato la reazione del commissario olandese Neelie Kroes, responsabile del portafoglio ICT (con la direzione denominata DG Connect) che ha messo in guardia gli Stati europei dall’andare avanti con il taglio.

La Kroes ha ragione, non tanto perchè si parli del suo portafoglio, ma perchè gli investimenti in banda larga si traducono in maggiore produttività e maggiore coesione sociale. Per capirsi, la rete Internet collega molto di più di un ponte sullo Stretto o di una ferrovia ad alta velocità ma è, per usare la terminologia del commissario olandese, “meno sexy”, perchè la classe politica capisce meglio la costruzione di piloni di cemento, meno l’interramento di tubi. Non solo: nel campo dell’energia e dei trasporti il gioco dei progetti da finanziare è già fatto ancor prima di cominciare, perchè le opere in questione sono tendenzialmente pubbliche, quindi decidono gli Stati medesimi, dall’inizio alla fine. Nel campo delle telecomunicazioni, invece, occorre districarsi in un settore aperto alla concorrenza, parzialmente regolamentato e soggetto più di altri alle norme sugli aiuti di Stato. Pertanto, la Commissione può continuare a mettere il becco su come spendere questi soldi. Risultato: gli Stati membri preferiscono privilegiare i progetti su quali mantengono maggiormente il controllo, con buona pace della modernizzazione. Meglio la mia mulattiera che un’altrui rete in banda larga.

A difendere i piani di DG Connect è intervenuto Roberto Viola, recentemente assunto alla carica di Vicedirettore, nonchè Gabrielle Gauthey per Alcatel ed un’analista, tale Robin Birkenstock. Gli interventi sono stati ineccepibili, benchè gli Stati membri, veri destinatari dei messaggi della serata, fossero quasi tutti assenti (il famoso convitato di pietra). E questo la dice lunga sulla predisposizione al dialogo.

Senonchè, ad un certo punto il discorso è scivolato dal tema dei finanziamenti pubblici e quello degli investimenti privati. Si tratta di una nota dolente, perchè gli operatori europei, nel complesso, non investono abbastanza in banda larga e, in particolare, molto poco in reti di nuova generazione (fibra ottica). L’analisi fuoriuscita da panel è stata soprattutto impietosa verso gli operatori storici (le varie Telecom Italia): generano un massa enorme di quattrini, che però in buona parte vanno in (i) lauti dividendi (fino al 12% del capitale, uno dei settori più profittevoli); (ii) ripagamento di debiti (contratti per i motivi più strani, disparati e inconfessabili: mia enfasi) ; (iii) politiche di marketing molto generose (ai limiti della follia: mia enfasi); (iv) investimenti altrove (tipo America Latina).

Ma perchè poco o niente viene investito in reti di nuova generazione in Europa?

Il dibattito di ieri ha sviscerato varie analisi (tra cui quella secondo cui gli operatori alternativi sarebbero troppi, impudenti e rompiscatole, e questo rovinerebbe lo zen agli incumbents ed ai loro analisti), ma vi è stato un vero e proprio coro all’unisono nell’indicare la soluzione: la dichiarazione della Kroes dello scorso luglio, quella con il cui il Commissario olandese ha garantito alle telcos storiche profitti ingenti e stabili per i prossimi 8 anni, attraverso la cristallizzazione del prezzo delle reti telefoniche in rame (quelle su cui passa la banda larga tradizionale, cioè l’ADSL, e che dovrebbero invece essere convertite in fibra ottica). Secondo la Kroes, con la stabilizzazione del cash flow per un periodo così lungo, e una revisione (io la chiamo parziale deregolamentazione) delle norme sulle reti in fibra ottica, il mercato ripartirà, o meglio gli incumbents investiranno. Tutto questo grazie all’accresciuta  certezza giuridica, di cui gli incumbents hanno tanto bisogno. Ma sarà proprio così?

In verità, nei corridoi di Bruxelles non sono poi tutti così convinti che la svolta epocale annunciata dalla Kroes porterà a maggiori investimenti in fibra, soprattutto da parte degli incumbents. Noi ce lo auguriamo, ma non capiamo come e perchè ciò possa avvenire. Questi bestioni guadagnano un sacco di soldi che utilizzano per tutto ma poco per investimenti in fibra, perchè dovrebbero rinsavire e cambiare vita? Perchè ora hanno la certezza giuridica? Dipende dalla certezza di fare cosa. Se a degli operatori dominanti viene detto che, con tutta certezza, potranno continuare a guadagnare tanti soldi dalla rete in rame per i prossimi 8 anni, questi saranno indotti a mantenere lo status quo, per non rompere il giocattolo. Altro che investimenti in fibra ottica!

Ma come siamo arrivati a questo punto? Le cose potrebbero essere andate così: dopo un lungo tran-tran di consultazioni, incontri e conferenze, il commissario Kroes ha fatto un bagno di sano realismo, e si deve essere convinta – a torto o a ragione – che al momento non esistano mezzi per costringere gli incumbents ad investire in fibra. Certo, vi sarebbe un’idea radicale, quella di abbassare il prezzo del rame, costringendo gli incumbents a migrare verso la fibra per compensare la riduzione degli introiti tradizionali. Ma è una soluzione complessa, perchè non può funzionare stand alone, ma richiede la concomitanza di vari fattori, non tutti sotto il controllo della Commissione. Inoltre, è una soluzione rischiosa nel breve periodo, perchè diminuendo il cash flow degli incumbents si toccano le rendite di un intero ecosistema: azionisti affamati di dividendi, creditori (a loro volta pesantemente indebitati) ansiosi di vedersi ritornare il dovuto, maestranze abituate al posto sicuro e a guadagnare bene, fornitori viziati, ecc.. In tempi di crisi economica, forse è meglio non fare i Superman. Per cui, per gli incumbents deve essere stato un gioco da ragazzi fare escalation presso qualche governo conservatore ed attento ai conti (vedi Berlino), fino al presidente Barroso (che non è stato messo lì per fare la rivoluzione) e passando per le grandi banche dividendivore, così da mettere Kroes in una posizione difficile.

Così si spiega l’annuncio di luglio. Constatando che gli incumbents non vogliono investire in fibre ottiche e che non ci sono le condizioni per iniziative dirompenti, la Kroes ha concesso loro quello che volevano, ma ha anche sottratto loro l’alibi. Se, a fine mandato nel 2014, si constaterà che gli investimenti europei in fibra latitano, gli incumbents non potranno scatenare le loro critiche verso la Commissione. Inventeranno qualche storia, organizzeranno un summit, pagheranno uno studio indipendente, ma non se la potranno prendere con Neelie, che quindi ha schivato l’agguato di luglio. A quel punto, il nuovo commissario di DG Connect, chiunque sarà, troverà un continente europeo arretrato rispetto ad Asia ed America, e da lì bisognerà ripartire.

Telecom Italia frena sugli investimenti in fibra

Posted on Updated on

Image

Le dichiarazioni di questi giorni di Franco Bernabé ai giornali non consentono repliche o speculazioni: più chiaro di così. A seguito del nuovo corso della Kroes, secondo cui il prezzo di accesso alla rete telefonica in rame deve rimanere stabile pe ri prossimi 8 anni (NDR: nonostante l’investimento sia ormai ultra-ammortizzato), il CEO di Telecom Italia incassa e ci spiega il SUO di nuovo corso: (a) profitti stabili dalla rete in rame; (b) prezzi non orientati ai costi – quindi molto elevati – per le fibre (se ce ne saranno); (c) ripagamento del debito e, perchè no, erogazione di dividendi interessanti. Champagne!

E lo sviluppo della rete in fibra ottica, quella che dovrebbe ammodernare il paese? Non se ne fa niente, Bernabè non potrebbe essere più esplicito, anche perchè sta parlando ai mercati finanziari ed agli investitori (quelli che investono in azioni e bond, non in opere, innovazione o idee): “Non accelereremo la diffusione della rete in fibra, anche perché l’indicazione dell’Unione Europea è solo programmatica, vedremo prima quali sono le decisioni finali e comunque la diffusione della rete è spinta da clienti e redditività: non faremo nulla che possa compromettere obiettivi globali nel breve termine perché vogliamo comunque il deleavereage – cioè la riduzione del debito) per Telecom”. Amen.

Lo sviluppo della fibra ottica non è pertanto un obiettivo strategico di Telecom, ma una semplice eventualità. Secondo Bernabè, la rete ad alta velocità si svilupperà solo grazie alla spinta “dei clienti e della redditività”. Ma ciò vuol dire che stenterà a venire, perchè il possesso della rete in rame consente a Telecom di bloccare qualsiasi iniziativa di modernizzazione, che venga da Telecom stessa oppure da un competitor: infatti, gli elevati profitti della rete in rame, combinati con il fatto che i servizi colà erogati sono in grado di cannibalizzare quelli su fibra, rendono poco profittevole una rete in fibra alternativa. Quindi, questa migrazione non conviene a Telecom, la quale ha però tutti gli strumenti per stroncare tentativi di concorrenza (facendo prezzi predatori sui servizi in rame, quanto basta per scoraggiare la concorrenza).

La grande rete in fibra di Telecom potrebbe nascere solo per un capriccio (cosa improbabile), oppure a fronte di qualche straordinario “regalone” pubblico, come avvenuto con il caso della provincia di Trento (e non è un caso che la Commissione Europea, lato Almunia, abbia aperto un’investigazione, per violazione delle norme sugli aiuti di Stato).

Intendiamoci: qua è là Telecom butterà giù qualche fibra, ma sostanzialmente in VDSL, e solo dove si tratta di parare la concorrenza di qualche competitor fastidioso. Ma niente a che fare con lo “step change”, il cambio di passo, che occorrerebbe per cablare il paese.